Creare…

In mano non hai nulla, all’inizio.

La mano è chiusa pronta al movimento ma, sola, ancora ad aspettare.

Poi, in uno scatto di coraggio va a cercare l’altra mano, il suo contatto, ed è da quel contatto, da quella spinta e relazione, che può crescere, aprirsi e sbocciare come un fiore.

Il movimento si libera e la mano si apre verso l’alto, verso il cielo, verso il mondo.

E tu? resti a guardare quella mano aperta che è riuscita a dare vita ad un mondo.

Creare…