Archivi tag: pittura

Disegno come patto di amicizia

Cosimo (1 anno e sette mesi) e nonno Luciano (maggio 2012) pennerelli su carta

Mio figlio Cosimo, verso il nonno Luciano ha sempre avuto sentimenti contrastanti la cui ricerca del relativo signignificato mi ha molto incuriosito. Questo che vi presento è il disegno che ha sancito un patto di alleanza fra i due che è in realtà cominciato con la conquista da parte del nonno del nipote suonando una chitarra. Ha così interessato il bambino che Cosimo ha iniziato non solo a guardarlo con meno diffidenza ma anche ad essere stimolato nel linguaggio. Infatti da allora chiama spesso “NUNNU”. E’ proprio vero che un rapporto, con un bambino a maggior ragione, va conquistato giornalmente e quello che ne consegue sono esperienze meravigliose e uniche per entrambi. Spesso si dice di bambini che non si “sciolgono” subito quando fanno nuovi incontri, che sono poco socievoli. In realtà è una cosa del tutto normale e fa parte di quella fase dei primi anni di vita che rientra nel cosiddetto “processo di separazione-individuazione” dalla madre o dall’adulto che se ne occupa maggiormente. Il bambino, ad esempio, esprime segni di disagio se viene preso in braccio da una persona sconosciuta o alla quale si è rapportato molto poco, ma non perché riconosce la persona in quanto tale e gli stia antipatica, ma perché ha imparato a riconoscere le modalità con cui vengono eseguiti quei gesti da chi invece solitamente si prende cura di lui. E’ all’incirca dall’8° mese che il bambino inizia a distinguere l’amico dall’estraneo ed inizia ad avere ben presente le persone a cui si sente legato.

Nel caso di mio padre, l’aspetto ad artista coi capelli lunghi e il fare a costante burlone preoccupava non poco Cosimo che ci faceva tutti morir dal ridere per le facce che faceva quando lo vedeva, prima di scoppiare a piangere. Ma abbiamo anche visto che è bastato una proposta spontanea di gioco, nel caso specifico legata alla musica (suonare la chitarra), che i bambini in genere amano molto, a conquistarlo definitivamente. Adesso non ci mostra più facce sconvolte, nè tantomeno si mette a piangere quando vede mio padre e, cosa molto bella, è che quando sente della musica che gli ricorda quella che ha sentito col nonno dice “NUNNU”. E’ una complicità che si costruisce mattoncino per mattoncino, per esmpio un’altra esperienza che unisce sono i “segreti”, dire le cose all’orecchio dell’altra persona. Cosimo infatti si è divertito enormemente quando, a tavola, dove tutti parlano fra di loro e i bambini piccoli si sentono un pò esclusi, il nonno gli diceva di avvicinarsi e gli parlava all’orecchio. Dei piccoli gesti che sembrano insignificanti ma che in realtà sono le base per un rapporto unico che si disegna con mille colori come quelli usati da Nonno Luciano e suo nipote nel disegno che vi mostro. La pittura e la musica sono carte sempre vincenti perché permettono davvero di comunicare anche senza parole e ancor meglio delle parole. Il segno rosso squadrato che si vede in basso al foglio, è stato fatto da mio padre, mentre i segni di Cosimo sono tutti circolari e vanno espandendosi per tutta la superficie del foglio, invadendo anche lo spazio del segno del nonno. Questa circolarità del segno, decisa ed espansiva, è un segno della serenità del bambino, della sua “presa di possesso” del rapporto con l’adulto perché invade anche il suo spazio. Ormai il patto è sancito, sentimentalmente dal suono di una chitarra e sulla carta con un bel disegno…

 

Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici

Agnolo Bronzino – Ritratto di Guidobaldo II Della Rovere 1532

Titolo della mostra: Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici

Spazio espositivo: Palazzo Strozzi
Luogo: Piazza degli Strozzi, 1 – Firenze
Data di inizio evento: 24 settembre 2010
Data di fine evento:23 gennaio 2011
Orari di apertura: tutti i giorni 9,00-20,00; giovedì ed, eccezionalmente, gli ultimi tre giorni (il 21, il 22 e il 23 di gennaio) 9,00-23,00

Prezzo biglietti: intero € 10,00, ridotto € 8,50, € 8,00, € 7,50, scuole € 4,00.
Promossa e Organizzata da: Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Fondazione Palazzo Strozzi, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza PSAE e per il Polo Museale della città di Firenze.
Curatori della mostra e del catalogo: Carlo Falciani e Antonio Natali
Genere: pittura, scultura – Cinquecento

Ultimissimi giorni della splendida mostra dedicata al Bronzino, prima mostra monografica, quindi interamente dedicata a questo artista, tenutasi a Firenze, dove egli visse per quasi tutta la sua vita, tranne brevi e pochissimi viaggi. Lo scopo di questo viaggio nell’affascinante mondo di questo artista è quello non solo di presentare un’occasione davvero unica di vedere opere ad una distanza fortemente ravvicinata, ma anche quella di riflettere sull’artista e sul suo tempo in maniera diversa dallo schematico inserimento critico in quella fase dell’arte cinquecentesca denominata comunemente “Manierismo”, una fase cioè di transizione tra Rinascimento, come trionfo di razionalità e di armonia, e Barocco, che è stato indicato, tra il Seicento e la metà del Settecento, come trionfo invece del grottesco e del bizzarro. Il filo del racconto, seguito nel presentare questo artista, è piuttosto legato allo splendore della corte dei Medici, di cui il Bronzino fu il principale ritrattista, immortalando i personaggi della famiglia fiorentina a partire da Cosimo il Vecchio, primo signore di Firenze, fino ad arrivare ad i suoi tempi, facendosi insostituibile portavoce dello splendore della corte di Cosimo I, che fu Duca di Firenze dal 1537 e poi Granduca di Toscana dal 1569.

Si inizia dagli anni che videro Bronzino giovanissimo allievo del Pontormo nel 1515 fino ad arrivare alle opere mature, quando si distacca completamente dal maestro per creare uno stile indipendente.

Continua la lettura di Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici