Archivi del mese: febbraio 2016

La costruzione del linguaggio

“A volte i grandi pensano che siano scarabocchi ma io lo so che sono bei disegni” – Cosimo 5 anni al fratellino che disegna di 1 anno e mezzo.

A Gabriele, 1 anno e e 6 mesi, piace tantissimo lasciare tracce di sé nello spazio. E così quando vede un pennarello, è più forte di lui, disegna dappertutto. Quando si trova ad avere un confine definito, un foglio di carta, travalica questi confini per invadere ogni cosa attorno. I segni si fanno via via più circolari e tendono a chiudersi in una grande energia di gesti in cui letteralmente prende possesso dello spazio. Non può stare accanto al fratello Cosimo mentre disegna perché chiaramente vuole occupare anche il suo foglio con i suoi segni.

Forme chiuse prendono vita sui fogli come i suoni emessi divengono via via sempre più articolati e riportano a concetti precisi. Siamo partiti da Ehi e Oh Oh per indicare quando cade un oggetto; Gnam Gnam è una chiara richiesta di roba da mangiare; tssss significa sì, mentre no lo dice in maniera molto definita e chiara. Anche le tonalità di certe esclamazioni iniziano ad essere imitate perfettamente. Così è stato con “Daaaaaii!”. Mamma è stata la prima vera parola di Gabriele ma adesso è comparso anche “Babbo” e lo dice scandito e forte.

IMG_3351 (2)

Gabriele ha fatto il primo disegno dedicato a Cosimo perché poi glielo ha consegnato e Cosimo ha detto: “Mamma Gabriele ha fatto un disegno per me!”. Il disegno tra bambini di età diverse è di grande stimolo. Cosimo sorride alla libera gestualità del fratello e dall’altra parte soprattutto Gabriele, il più piccolo, è molto stimolato ad imitare movimenti. Certo c’è da mediare un po’ perché presto il piccolo tende a lanciare tutto per aria e a mettere le mani sul lavoro degli altri, naturalmente senza freni. Cosimo, 5 anni, d’altra parte sta vivendo un momento in cui il disegno è molto importante, un tesoro da proteggere e conservare. Così dopo pochi minuti di vera e propria condivisione degli spazi è bene che ognuno trovi un po’ il suo, per non incorrere a tragedie di sorta come: “Mamma Gabriele ha distrutto il mio disegno!”. E quando succede e Cosimo si mette a piangere, Gabriele va da lui lo prende e lo abbraccia ed esclama “nooooo!” come a dire non piangere. E l’avventura continua.